Conflitto Lavoro Famiglia: gli antecedenti dell’assenteismo

Alcuni studi hanno tentato di indagare gli antecedenti dell’assenteismo, evidenziando per esempio una correlazione negativa della durata e della frequenza delle assenze con la soddisfazione lavorativa (Hackett, 1989). Anche le politiche organizzative hanno un ruolo nella scelta assenteista: è stato infatti riscontrato che politiche più restrittive di gestione delle assenze sono inversamente correlate con i giorni di assenza totali (Johns, 1997). 

Un altro possibile antecedente dell’assenteismo è il downsizing, ovvero la riduzione volontaria e strategica del personale organizzativo, che ha un duplice effetto sull’incidenza del fenomeno tra i lavoratori.
Da un lato alcuni studi hanno riscontrato che questa pratica organizzativa stimola l’assenteismo, per via della crescente percezione di ingiustizia, la rottura del contratto psicologico e le patologie legate allo stress (Kammeyer-Mueller, Liao, & Arvey, 2001); dall’altro la paura di essere licenziati, la riprogettazione del lavoro che può aumentare l’impegno del singolo e la competizione interna dovrebbe ridurre la quantità e la durata delle assenze individuali (Simpson, 1998).
È stato registrato un aumento dell’assenteismo per malattia nei gruppi di lavoro che avevano subito maggiormente il downsizing, specialmente quando gli individui erano forti della stabilità e della sicurezza del proprio posto di lavoro (Vahtera, Kivimaki, Pentti, Linna, Virtanen, Virtanen, et al., 2004). 

Una variabile che invece ha un effetto inaspettatamente inverso sull’assenteismo è l’ammontare dello stipendio del lavoratore. Ci si aspetterebbe infatti che le persone con un salario alto siano più inclini all’assenteismo, sentendosi protetti e non esposti alle conseguenze economiche della perdita del lavoro; in realtà Johns (1997) dimostra che i lavoratori che percepiscono un salario alto fanno registrare meno giorni di assenza.

I livelli di assenteismo possono variare a seconda delle caratteristiche personali, delle politiche organizzative e dei contenuti del lavoro, fattori che agiscono anche su un altro fenomeno, il presentismo, che verrà illustrato nel paragrafo successivo e che molti studiosi hanno legato all’assenteismo per quel che riguarda antecedenti ed esiti, tra cui Johns (2010).

 

©  - Conflitto Lavoro Famiglia, Assenteismo e presentismo: il ruolo delle risorse lavorative - Mariarosaria Campitelli

 

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici e clicca su "Condividi".

AREA CONSULENZA

AREA CONSULENZA

DEDICATO A IMPRENDITORI E PROFESSIONISTI
 

Ti mettiamo in contatto con consulenti e psicologi del lavoro per aiutarti ad affrontare, gestire e superare le criticità. Clicca QUI

Case History

Articoli su alcuni degli interventi da noi effettuati in aziende e che hanno portato risultati significativi.
 
- Relazione tra reparti
- Selezione e Inserimento
- Relazioni interne
- Riorganizzazione

CONTATTACI ...

SEI UN IMPRENDITORE ?
SEI UN PROFESSIONISTA ?

Nella tua attività ci sono problemi di:

- relazione
- benessere organizzativo
- clima aziendale
-
valutazione delle risorse umane
-
valutazione del potenziale
- performance aziendali

Psicologiadellavoro ti può aiutare.

Scrivi a info@psicologiadellavoro.org

 

 

Eventi Formativi


La PNL nella pratica clinica e nel mondo del Lavoro
 
Alcuni temi trattati:
- Relazione con il paziente/cliente
- Diagnosi
- Sostegno al cambiamento
- Salute organizzativa
- Assessment e struttura cognitiva
- Fare formazione

Data di inizio: Venerdì 28 e Sabato 29 Aprile 2017

Chiedi informazioni a:
info@scuolaformazionepsicologia.it

Guarda anche qui

Newsletter

E' uscita la Newsletter di Marzo 2017

La vuoi ricevere ?

REGISTRATI, è gratis!

 

Login utente
Cerca
Traduci la pagina