Conclusione
 
 
Questa relazione nasce da un interesse personale verso le nuove tecniche di marketing ed il modo in cui i giovani contemporanei ne sono influenzati, da un punto di vista socio-psicologico.
 
Il marketing non convenzionale, con la propria originalità e dirompenza, risulta particolarmente efficace nei confronti della categoria sociale giovanile odierna, poiché agisce attraverso canali non tradizionali, come Internet, di cui i ragazzi sono oggi abituali fruitori. Tali tecniche stimolano la creatività, inoltre permettono di vivere esperienze gratificanti ed inusuali da integrare nella costruzione identitaria individuale; l’immagine di sé si caratterizza anche a partire dalla dimensione comunitaria offerta dalle comunità di marca, dal momento che oggi i brands si configurano non solo come prodotti di necessità primaria, ma anche in qualità di catalizzatori sociali. I giovani, quindi, si trovano a fare i conti con una postmodernità che propone diversità nei percorsi di vita individuali, ma anche la riscoperta dell’antico valore di legame tradizionale.
 
In un’era entropica quale quella contemporanea, le tecniche non convenzionali fanno sì che il profitto aziendale venga incrementato, di pari passo con la soddisfazione del cliente, contrapponendosi alla ormai nota inefficacia del marketing tradizionale, il quale si basa unicamente sulla ripetizione dei messaggi promozionali. Tuttavia, quest’ultimo continua a prevalere sui media classici (televisione, radio, affissione), facendo la fortuna del marketing non convenzionale, più innovativo ed “inaspettato”, anche alla luce del fatto che i giovani, in numero sempre maggiore, tendano ad ignorare i canali tradizionali, ad eccezione della radio. 
 
In futuro, Internet diverrà la rete comunicativa dominante e ciò potrebbe dirsi positivo per i progressi del non convenzionale, ma gli esperti di marketing dovranno monitorare costantemente il contesto storico sociale per creare campagne ad esso adeguate, così che possano carpire l’attenzione dei consumatori, andando di pari passo con il cambiamento. Qualora ciò non avvenga, anche le tecniche che oggi possono sembrare innovative ed inefficaci perderanno il loro attuale potere, divenendo banali ed obsolete. I consumatori, che ora vengono colpiti dalla pubblicità non convenzionale mentre la loro advertising consciousness è inattiva, potrebbero non rispondere più positivamente a tali messaggi, assuefatti ad essa a causa del sovraffollamento mediatico. Ciò comporterebbe un maggior dispendio di risorse economiche da parte dei creatori delle campagne, ma che probabilmente non coinciderebbe con gli obiettivi prefissati, causando una mancata copertura delle spese.
 
In conclusione, si può affermare che il marketing non convenzionale abbia notevoli potenzialità di influenzamento sulla categoria sociale dei giovani, ma necessiti di un continuo perfezionamento  per mantenere i suoi effetti, procedendo sincronicamente al cambiamento della società, per evitare un crollo analogo a quello degli strumenti appartenenti alla scuola del marketing tradizionale.
 
 
 
 
 
Bibliografia
 
Amendola, G. (1997). La città postmoderna. Roma-Bari: Laterza.
Barman, Z. (2002). Modernità liquida. Roma-Bari: Laterza.
Bernstein, M., & Crosby, F. (1980). Deprivazione relativa ed identità sociale. DiPAV QUADERNI, vol. 24, 2009. Milano: FrancoAngeli Riviste.
Bourdieu, P.(1983). La distinzione. Critica sociale del gusto. Bologna: Il Mulino.
Bowlby, J. (1969). Attaccamento e Perdita. L’attaccamento alla madre.  Torino: Bollati Boringhieri 1999
Bresciani, R., & Marenco Mores, C. (2009).Word of mouth, viral, buzz. Strategie di marketing del pettegolezzo. Bologna: BUP.
Brown, R. (2000). Psicologia sociale dei gruppi. Bologna: Il Mulino.
Corciulo, C. (2001). L’esperienza come elemento qualificante l’agire del consumo. Tesi di laurea, IULM, Milano.
Cova, B., Giordano, A., Pallera, M. (2008). Marketing non convenzionale. Milano: Il Sole 24 Ore.
Cova, B. (2003). Il marketing tribale. Milano: Il Sole 24 Ore.
Cronkhite, G. (1975). La persuasione : Comunicazione e mutamento del comportamento. Milano: FrancoAngeli.
Crouch, C. (2001). Sociologia dell’Europa occidentale. Bologna: Il Mulino.
Dall’Aquila, P. (1997). Verso un’ecologia del consumo. Milano: FrancoAngeli.
Dall’Ara, G. (2000). Comunicazione e marketing. Milano: FrancoAngeli.
Dall’Ara, G. (2002). La storia dell’industria turistica riminese vista attraverso 50 anni di strategie. Milano: FrancoAngeli.
De Luigi, N. (2007). I confini mobili della giovinezza. Milano: FrancoAngeli.
Diamanti, I. (1999). La generazione invisibile. Milano: Il Sole 24 Ore.
Di Nallo, E. (1998). Quale marketing per la società complessa?. Milano: FrancoAngeli.
Fabris, G. (2003). Il nuovo consumatore: verso il postmoderno. Milano: FrancoAngeli.
Freud, S. (1899). L’interpretazione dei sogni. Torino: Bollati Boringhieri 2003.
Freud, S. (1915-17). Introduzione alla psicoanalisi. Torino: Bollati Boringhieri 2000.
Freud, S. (1920). Al di là del principio del piacere. Torino: Bollati Boringhieri 2006.
Freud, S. (1923). L’Io e l’Es. Torino: Bollati Boringhieri 2006.
Giunta, G. (2006). Aspetti psicologici del consumo. Rivista della Scuola Superiore dell'economia e delle finanze, A. III, 3,  215. Roma, Centro Ricerca Documentazione Economica e Finanziaria. 
Harvey, D. (1997). La crisi della modernità. Milano: Il Saggiatore.
Iabichino, P. (2009). Invertising. Milano: Guerini e associati.
ICFAI (Center for Management Reasearch) – 2007. Harnessing the power of online social communities for branding and market development. Reference no 507-089-1.
Klein, M. (1932). Contributo alla psicogenesi degli stati maniaco-depressivi. Torino: Bollati Boringhieri 1978.
Kotler, P., & Scott Walter, G. (1991). Marketing management. Torino: ISEDI.
Levi, G., & Schmitt, J.C. (1996). Storia dei giovani. Vol. VI. Roma-Bari: Laterza.
Levinson, J.C., & Hanley, P.R.J. (2007). Guerrilla marketing: Mente, persuasione, mercato. Roma: Castelvecchi.
Maffessoli, M. (1985). Le paradigma estetique. Sociologia et Sociétés, vol. 17.
Marcia, I. E.(1966). Development and validation of ego identity status.  Personal. Soc. Psychology, 3:551-8.
Maslow, A. (1954). Motivation and personality. New York (NY): Harper.
Miller, G. R., & Steinberg, M. (1975). Between people: a new analysis of interpersonal communication. Chicago: Science Research Association.
Modell, J., Furstenberg, Jr., Hershberg, T (2001). Mutamento sociale e transizioni all’età adulta in prospettiva storica. In C. Saraceno (Ed.), Età e corso della vita. Bologna: Il Mulino.
Morace, F., & Future Concept Lab (2008). I ConsumAutori. Milano: Libri Scheiwiller.
Murray, H. (1938). Explorations in personality. New York (NY): Oxford University Press.
Pais, J.M. (2000). Transitions e cultures de la jeunesse : formes et manifestations. Revue internationale des sciences sociales, num. 164.
Pallera, M. (2004). Quando l’ambiente è il messaggio. Mirata e-News, anno 1, n. 3.
Pine, J.B., & Gilmore, J.H. (2000). L’economia delle esperienze. Milano: Etas.
Rapp, S., Collins, T. (1996). La grande svolta del marketing. Aziende e clienti nell’era dell’individualismo (pag. 42). Milano: Il Sole 24 Ore.
Semproni, A.(2002). Marche e mondi possibili. Un approccio semiotico al marketing della marca. Milano: FrancoAngeli.
Siri, G. (2001). La psiche del consumo. Milano: FrancoAngeli.
Siri, G.(2004). Psicologia del consumatore (pag. 165, 167). Milano: McGraw Hill.
Tajfel, H. (1999). Gruppi umani e categorie sociali. Bologna: Il Mulino.
Testa, A. (2003). La pubblicità. Bologna: Il Mulino.
Wipperfurth, A. (2005). Brand Hijack. Marketing without marketing. New York (NY): Portfolio.
Zyman, S., & Brott, A. (2005). La fine della pubblicità: Le nuove tecniche e le strategie pubblicitarie. Roma: Armando.
www.ninjamarketing.it/.../festival-internazionale-del-giornalismo-i-ninja-intervistano-a-gianluca-diegoli/
www.adbusters.org
www.businessonline.it/.../Cos'è_Il_Web_2_0_Definizione_E_Mini-Guida_Di_Robin_Good.html
www.mestierediscrivere.com/index.php/articolo/Tesi
www.styleandfashion.blogosfere.it/2009/04/diesel-black-friday-sopravvivi-alla-crisi-con-i-diesel-black-money
www.bloguerrilla.it
www.mymarketing.it
 
 
 
 
 
 
Tecniche di marketing non convenzionale e stili di consumo giovanili - © Martina Lamonaca
 
 
 
 

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici e clicca su "Condividi".

AREA CONSULENZA

AREA CONSULENZA

DEDICATO A IMPRENDITORI E PROFESSIONISTI
 

Ti mettiamo in contatto con consulenti e psicologi del lavoro per aiutarti ad affrontare, gestire e superare le criticità. Clicca QUI

Case History

Articoli su alcuni degli interventi da noi effettuati in aziende e che hanno portato risultati significativi.
 
- Relazione tra reparti
- Selezione e Inserimento
- Relazioni interne
- Riorganizzazione

CONTATTACI ...

SEI UN IMPRENDITORE ?
SEI UN PROFESSIONISTA ?

Nella tua attività ci sono problemi di:

- relazione
- benessere organizzativo
- clima aziendale
-
valutazione delle risorse umane
-
valutazione del potenziale
- performance aziendali

Psicologiadellavoro ti può aiutare.

Scrivi a info@psicologiadellavoro.org

 

 

Eventi Formativi


La Comunicazione Non Verbale

E' online il corso
in e-learning

 


 


La PNL nella pratica clinica e nel mondo del Lavoro
 
Chiedi informazioni a:
info@scuolaformazionepsicologia.it

Guarda anche qui

Newsletter

E' uscita la Newsletter di Settembre 2017

La vuoi ricevere ?

REGISTRATI, è gratis!

 

Login utente
Cerca
Traduci la pagina